Il negozio online e l'officina personalizzata funzionano normalmente. Spediamo in tutto il mondo come al solito. I negozi di pietra sono chiusi. Siamo consapevoli della gravità della situazione. Grazie per il vostro sostegno!
Nel secondo quarto del XIX secolo

Nel secondo quarto del XIX secolo

C'erano più di 200 burattinai che lavoravano nel territorio delle terre ceche. Per alcuni era solo un mezzo per guadagnarsi da vivere, mentre altri formavano una relazione più profonda con la professione e lo stile di vita che ne derivava. Per la maggior parte erano membri di famiglie disperse più grandi, in cui il padre successivamente consegnò ai suoi successori non solo attrezzatura ed esperienza ma anche una forte passione per i burattini. L'importante famiglia di burattinai dei Maizners, che fino agli anni '60 di questo secolo si dedicò al teatro delle marionette in linea diretta, lavorò principalmente nella Boemia orientale. Erano burattinai con un alto livello di fiducia in se stessi, legame con la tradizione e simpatie patriottiche. È grazie a loro che sono sopravvissuti alcuni dei più antichi script di marionette insieme a una collezione di pupazzi molto preziosi della famiglia di intagliatori del legno dei Suchardas. Il membro più importante di un'altra famiglia di burattini, operante principalmente nella Boemia centrale, era František Vinický (1797-1854). La sua attività gli valse la stima di tutti e nel 1836 fu l'unico burattinaio ad essere ufficialmente invitato ad esibirsi alle feste popolari durante l'incoronazione di Ferdinando V. Chiaramente la personalità più degna di nota della prima metà del XIX secolo fu Matej Kopecký (1775-1847). È cresciuto a Mirotice, nella Boemia meridionale, da dove è uscito con suo padre Jan in un tour di marionette nella Boemia meridionale. Anche se ha ricevuto solo una piccola educazione, ha avuto l'opportunità unica di assorbire gli anni di esperienza acquisiti dai burattinai di quel giorno. Ricevette la sua prima licenza nel 1797, ma subito dopo fu arruolato nell'esercito austriaco e fatto combattere nelle guerre napoleoniche. Dopo aver lasciato l'esercito, cercò di guadagnarsi da vivere come negoziante, riparatore e orologiaio prima di tornare definitivamente al teatro di figura nel 1820. Aveva 45 anni, non aveva proprietà e dei 14 figli nati a lui 8 era morto in giovane età. Era comunque una personalità matura, che non era spezzata dalle condizioni estremamente dure della sua vita, come dimostra il grado in cui si era stabilito. I suoi figli hanno suonato il teatro delle marionette prima al suo fianco e poi da soli: Jan (1804-52), Josef (1807-56), Václav (1815-71) e Antonín (1821-85). Anche se un migliaio di spettatori hanno visto gli spettacoli di marionette di Matej Kopecký, anche se la sua attività è caduta nel periodo della rinascita nazionale, in cui il teatro ha avuto un ruolo così significativo, nonostante il modo in cui recitava e il modo in cui la sua recitazione veniva accettata dal pubblico , di lui rimangono solo una manciata di reminiscenze di seconda mano. Per la sezione esecutiva dell'intelligencia patriottica ceca, che sognava il teatro come una cattedrale d'arte che rappresentava il progresso nazionale, il teatro delle marionette interpretato da poveri burattinai vagabondi non era di grande interesse. L'interesse per Matej Kopecký ha iniziato a crescere solo dopo la sua morte. Nel 1851 Karel Roth in Lumír scrisse: "Soprattutto il vecchio Kopecký, recentemente scomparso, si distingueva sopra tutti i suoi colleghi per il suo grande senso della giustizia e il suo immenso spirito alto". In effetti, solo da acclamazioni successive possiamo presumere che fosse tra le figure di spicco del teatro di figura ceco, come egli stesso ha significato, e sebbene dubitiamo della sua affermazione che fosse in rapporti familiari con i principali revivalisti J. Dobrovský e V. Thám, ne consegue l'affermazione di essersi almeno associato alle correnti di pensiero fondamentali della sua epoca. La popolarità duratura del "vecchio Kopecký" in un'ampia fascia della società fu successivamente rafforzata da un'edizione in due volumi di Commedie e commedie di Matej Kopecký composta da suo figlio Václav nel 1862 (purtroppo il valore documentario di questa prima edizione di un'ampia selezione di Le commedie ceche furono messe sotto accusa dal lavoro degli editori della casa editrice Vilímek.) Il crescente culto di Matej Kopecký fu sostenuto anche dai disegni dell'artista Mikoláš Aleš, nativo di Mirotice, che apparentemente creò anche un ritratto fittizio di Kopecký a somiglianza di suo figlio Václav. La leggenda di Matej crebbe e l'invenzione e il mito superarono presto i fatti concreti. Alla fine del secolo il ritratto di Matej era stato trasformato nell'immagine di un eroico burattinaio, un costruttore della nazione, come si adattava alle concezioni acritiche e fervidamente nazionalistiche del tempo. Gli attuali storici del teatro di figura pensano che Kopecký sia principalmente un rappresentante di tutta una serie di burattinai cechi del risveglio nazionale, e la sua immagine nel subconscio nazionale ha un significato per lo più simbolico. Togliete la stampella delle varie leggende e riassume il significato dei burattinai di quel periodo che, mentre lavoravano nella campagna ceca fortemente influenzata dalla tradizione della cultura barocca (artistica, musicale e teatrale), fornirono una forma teatrale che era in armonia con quella tradizione. Questo è vero non solo per la creazione delle marionette e delle scenografie, ma anche per lo stile di produzione, che utilizzava le marionette per enfatizzare la natura simbolica del teatro. Mentre nella serie principale delle produzioni i burattinai cechi sono rimasti sostanzialmente fedeli allo stile barocco, con il resto del loro repertorio sono riusciti a far familiarizzare gradualmente il loro pubblico con il teatro del giorno, che promuoveva le idee dell'illuminismo e della rinascita nazionale . Questo significato non è neppure ridotto dal fatto che le loro produzioni erano spesso poco artistiche e ingenue. La morte di Matej Kopecký nel 1847 conclude in modo simbolico la fase più significativa del teatro popolare ceco del XIX secolo. Entro la fine del XIX secolo lo sviluppo del teatro popolare ceco terminò gradualmente. La sua stagnazione è stata nettamente influenzata da un cambiamento stilistico generale in atto nell'arte e nel teatro. La morte del romanticismo e l'inizio del realismo, i cui principali postulati difficilmente potevano essere soddisfatti dal teatro delle marionette, provocarono una decisa perdita di contatto con gli sviluppi delle altre arti teatrali. Autore: Alice Dubská, Czech Puppet Theatre nel corso dei secoli

Pin it
Accetti i cookies? 
Si , grazie.