Il negozio online e l'officina personalizzata funzionano normalmente. Spediamo in tutto il mondo come al solito. I negozi di pietra sono chiusi. Siamo consapevoli della gravità della situazione. Grazie per il vostro sostegno!
Lo sviluppo di luoghi permanenti di marionette negli anni '20

Lo sviluppo di luoghi permanenti di marionette negli anni '20

Sapete cosa è successo nel teatro di figura dopo la guerra mondiale?

I cambiamenti storici rivoluzionari avvenuti con la fine della prima guerra mondiale, il crollo della monarchia austro-ungarica e la formazione della Repubblica cecoslovacca, influenzarono tutti gli ambiti della vita sociale. Con condizioni di pace e una nuova indipendenza statale acquisita ci fu una grande liberazione dei poteri creativi dell'intera nazione. Per il burattinaio ceco, il cui progresso naturale era stato interrotto dalla guerra, arrivò un periodo di espansione più intensa fino ad oggi.

Ogni anno apparivano centinaia di nuovi teatri che suonavano regolarmente il sabato e la domenica per i giovani spettatori - alla fine degli anni '30 erano quasi tremila. Gli spettacoli si sono svolti ovunque: nelle grandi città (a Praga in quel periodo erano attivi 20-35 gruppi) e persino nei piccoli villaggi.

Man mano che i burattinai trovarono posti permanenti nelle scuole, nelle biblioteche, nei municipi e specialmente nei centri di Sokol e altre organizzazioni di educazione fisica, iniziarono a sostituire i precedenti semplici palchi mobili con costruzioni di palcoscenici più complesse, complete di apparecchiature luminose e sonore, che consentivano per una messa in scena moderna e un migliore utilizzo dello spazio scenico.


Questo ha segnato il punto culminante degli sforzi di riforma, già iniziati con l'edizione di Decorations by Czech Artists, che ha liberato il palcoscenico dai confini superflui - un residuo del sistema di decorazione barocco - che limitavano il movimento dei burattini sul set. Il boom del burattinaio portò anche sforzi per costruire edifici specializzati.

Un tratto caratteristico dell'intero periodo è stata la continua eccezionale partecipazione di scultori, artisti, designer o insegnanti d'arte a capo di numerosi gruppi. Ciò deriva dall'importanza della posizione che gli artisti come creatori di marionette hanno raggiunto nel sistema del teatro delle marionette nel suo complesso. Ancora più importante, tuttavia, è stato il fatto che gli artisti creativi con le loro basi di esperienza hanno aumentato il livello amatoriale degli altri membri del gruppo, molti dei quali stavano solo imparando il lavoro di base della recitazione con i burattini. È quindi comprensibile che gli artisti abbiano determinato la direzione di base della maggior parte dei teatri di marionette, in cui c'era un'ultima preferenza per l'impressione visiva di una produzione.

Per questo motivo il periodo degli anni '20 viene spesso definito il periodo dell'ascesa artistica. Il fenomeno più significativo della distesa in termini di quantità di burattini cechi del dopoguerra fu l'istituzione di diversi teatri di marionette permanenti, il cui programma includeva obiettivi artistici specifici. Sottolineando l'attributo "artistico" hanno cercato di indicare le loro più alte aspirazioni e di prendere le distanze dalla massa dei teatri con standard inferiori. Le loro caratteristiche erano anche il tentativo di stabilire spettacoli regolari e fornire il teatro professionale per bambini che ancora mancava.

Al circolo di questi teatri si unirono, oltre al Summer Camp Puppet Theatre di Pilsen (1913-36), che continuava nelle attività già iniziate prima della guerra, i teatri di Praga: The Puppet Theatre of Art Education (1914– 1954) e The Realm of Puppets (1920 - oggi). Alla fine sono stati raggiunti anche dal Sokol Puppet Theatre di Prague-Libe? (1922-1939) e diversi teatri fuori Praga, ad esempio il Turnov Puppet Theatre (1922-1939) guidato dal pittore Karel Vik, il Sokol Puppet Theatre di Liberec (1925-1938) e altri.

Autore: Alice Dubská

Teatro delle marionette ceco nel corso dei secoli

Pin it
Accetti i cookies? 
Si , grazie.