Dalla produzione di marionette nel Medioevo alle marionette barocche

Dalla produzione di marionette nel Medioevo alle marionette barocche

In che modo la maggior parte degli storici divide la storia del teatro delle marionette ceco?

La maggior parte degli storici divide la storia del teatro delle marionette ceco in tre fasi principali di sviluppo: la fase delle marionette popolari tradizionali o, più precisamente dei burattinai itineranti, che inizia nell'ultimo quarto del XVIII secolo e termina alla fine del 19 ° secolo la fase dei burattinai dilettanti nella prima metà del 20 ° secolo la fase del moderno teatro professionale delle marionette, il che significa, in questo paese, il periodo dopo il 1948 Questa divisione in periodi non è completamente semplice ed è in una certa misura anche non sistematico.

Dopotutto, i burattinai itineranti erano attivi in ​​questo paese fino agli anni '50 di questo secolo, l'attività dei burattinai dilettanti copre tutte e tre queste fasi e lo stesso vale per le forme professionali di teatro delle marionette. Il principio di base alla base di questo schema di periodi, tuttavia, può essere giustificato poiché in ogni data fase di sviluppo proprio questi modi di eseguire il teatro di marionette ceco ne determinano innegabilmente la forma e soprattutto forniscono l'impulso decisivo per il suo ulteriore sviluppo. Se torniamo alla seconda metà del XVIII secolo, dove la maggior parte degli storici colloca l'inizio del teatro di figura ceco, dobbiamo sottolineare che è in sostanza l'inizio del continuo e correlato sviluppo del teatro ceco, corrispondente nelle sue caratteristiche di base, forma, organizzazioni e funzioni alla nostra moderna comprensione del sistema teatrale. Ciò non significa ovviamente che i burattini e il teatro delle marionette (o occasionalmente solo elementi di esso) non siano stati presentati in questa parte d'Europa prima di quel momento.

Una semplice mancanza di materiale storico tuttavia ci impedisce di rispondere alla domanda quando i burattini e il teatro delle marionette sono apparsi per la prima volta in questo paese. Molto probabilmente risalgono ai tempi più antichi. Possiamo tuttavia solo fare supposizioni sullo sviluppo in queste prime età e per analogia con i segni di sviluppo in altri paesi europei possiamo presumere che marionette o figure in movimento apparissero già ai riti culturali, alle cerimonie religiose e alle usanze popolari, dove originariamente ha avuto un ruolo magico e simbolico. Possiamo supporre che il processo di sviluppo, come ricostruito dai ricercatori da confronti di iconografia, linguistica, etnografica e altri materiali, evidentemente si sia spostato dalle statue di marionette concepite come artefatti materiali appartenenti a questi riti, a marionette teatrali che, animate dal movimento o dal suono, ha iniziato a presentare soggetti attivi e ciò ha portato alla creazione del teatro delle marionette come un tipo specifico di arte scenica.

La crescente disponibilità di prove sullo sviluppo di spettacoli di marionette, la varietà di forme nell'Europa medievale e la loro graduale espansione attraverso l'Europa meridionale, occidentale e centrale a est, ci dà una concezione concreta di come il teatro di marionette era presentato in ceco. sbarcare. I burattini, o per essere più precisi i burattini manipolati dal basso, apparivano principalmente nell'intrattenimento improvvisato dei comici itineranti nei mercati, ma erano visti anche nelle case della nobiltà e della corte. La più antica immagine ceca raffigurante un burattino risale al 1590. Mostra il predicatore luterano Maxmilian Biber di Halle, arrestato nel 1558 nei dintorni di Vienna per agitazione religiosa non autorizzata, che nasconde il suo ostensorio segreto sotto forma di un burattino. Nella traduzione ceca il burattino è chiamato "buffone" e "burattino a mano dello sciocco", che non possono tuttavia intendere essere una descrizione del tipo di burattino. Alcuni ricercatori hanno supposto che si tratti di una marionetta, anche se questo tipo di burattino a quel tempo non era apparso sul territorio ceco.

Si può ipotizzare che si tratti probabilmente di un tipo di burattino "á la planchette" (figure mosse tirando e rilasciando due corde tenute orizzontalmente), diffuso in Europa già nel XII secolo. Il predicatore Biber usò questo tipo di burattino come nascondiglio per il suo ostensorio proprio perché il burattino in questione era a quel tempo sufficientemente diffuso nei paesi cattolici della monarchia austriaca. L'altro ramo della produzione di burattini medievali era originariamente legato alla presentazione di scene religiose: giochi biblici e misteri. Tra il XIV e il XVI secolo si svilupparono diverse forme di teatro delle marionette meccanico, in cui venivano presentate queste scene, originariamente rappresentate negli spazi delle chiese.

Le prime marionette - marionette manipolate dall'alto con corde - cominciarono ad apparire qui a metà del XVII secolo, non molto tempo dopo che si erano diffuse in Italia, e attraverso i burattinai italiani in Inghilterra. In questo periodo, dopo la fine della guerra dei trent'anni, giunse nell'Europa centrale un'enorme marea di compagnie teatrali straniere delle più diverse convinzioni. Erano principalmente compagnie di recitazione professionali (un ramo proveniente dall'Inghilterra, dall'Olanda e in seguito soprattutto dalla Germania, l'altro dall'Italia e dall'Austria), che introdussero anche qui le marionette come un tipo completamente nuovo di burattini. Furono i capi di questi gruppi a rendersi conto che, di tutte le forme di burattino a loro note, erano proprio le marionette che, con la loro forma e il loro stile di animazione, si avvicinavano di più alla performance di un attore umano e potevano in una certa misura sostituire lui. Con la diffusione del teatro delle marionette e la sua crescente popolarità nel XVIII e XIX secolo, si verificò un corrispondente declino e la fine di una serie di forme precedenti, sebbene dobbiamo renderci conto che le varie produzioni di questo periodo coprivano un'ampia varietà di forme diverse, in cui la manipolazione degli oggetti materiali era predominante.

All'estremità di questo spettro c'erano spettacoli che erano distintamente creativi nei personaggi - panorami, peep-show, lanterne magiche - e che, in virtù della loro enfasi sull'impressione visiva, costituiscono un tipo di attività teatrale borderline. Il teatro delle marionette ottenne relativamente rapidamente una posizione di primo piano tra le altre forme di marionette dell'epoca, non solo per la sua maggiore relazione con stili di teatro non marionette, ma soprattutto per il grado precedentemente senza testimoni in cui il burattino stesso divenne il soggetto drammatico di eventi teatrali.

Autore: Alice Dubská

Teatro delle marionette ceco nel corso dei secoli

Pin it
Google imposta i cookie per analizzare il traffico verso questo sito. Le informazioni sull'utilizzo del nostro sito Web vengono condivise con Google a tale scopo.
Io d'accordo