Il negozio online e l'officina personalizzata funzionano normalmente. Spediamo in tutto il mondo come al solito. I negozi di pietra sono chiusi. Siamo consapevoli della gravità della situazione. Grazie per il vostro sostegno!
Burattinai folkloristici della campagna ceca

Burattinai folkloristici della campagna ceca

Verificate con noi lo sviluppo del teatro di figura ceco nel XVIII secolo

Nella seconda metà del XVIII secolo i praticanti di teatro dei tipi più diversi erano ancora in tournée nelle terre ceche, e tra loro un numero ancora abbondante di burattinai. I loro percorsi prendevano due strade principali: una portava dalla Sassonia attraverso Teplice a Praga e poi in Moravia e da lì in Ungheria o Transilvania, l'altra dall'Italia e dall'Austria a Bratislava o direttamente attraverso la Moravia alla Boemia o alla Polonia.

I nomi cechi stanno tuttavia cominciando a comparire nelle domande ufficiali di autorizzazione per eseguire produzioni di marionette e, nonostante un'insufficienza o una prova storica, possiamo supporre che a partire dagli anni '70 di quel secolo apparvero in questo paese i primi burattinai cechi. Possiamo considerare i più antichi burattinai cechi conosciuti come i predecessori di Jan Václav Bitter di Melník e Matej Vavrouš di Habry na Cáslavsku, i cui padri, secondo la dichiarazione nella domanda di autorizzazione, si guadagnavano da vivere con il teatro delle marionette.


Il più antico burattinaio ceco registrato è Jan Brát (o Brath, Prath, Bráda) di Náchod. La notizia di loro arriva dalle Memorie della Santa Parrocchia di Studnicná. Secondo lui il figlio del falegname locale ha intagliato i burattini, si è costruito un palcoscenico, si è esercitato a giocare con i burattini nel pub locale e poi è andato al mondo con i suoi burattini. Abbiamo documenti di Litomerice, Teplice, Bílina, Tábor, Jindřichův Hradec e Brno, che registrano le sue attività di burattinaio negli anni 1775–1802. Negli anni '80 del XVIII secolo apparvero i primi burattinai delle successive famose dinastie di burattinai: i Miessners (anche Maizner) Kockas, Finks, Maleceks, Dubskýs, Kludskýs, Vída ecc.

Incontriamo per la prima volta il nome di Jan Kopecký nel 1779. Fu il fondatore di una delle più famose linee di marionette, i cui discendenti diretti sono ancora oggi impegnati nel teatro delle marionette. I beni più preziosi del burattinaio erano i suoi burattini. La maggior parte di esse erano scolpite in legno di tiglio, erano costruite in modo semplice (testa e ginocchia attaccate da giunti, braccia allentate), erano alte in media 70 cm (in seguito anche di più), sospese su fili e controllate da una semplice trave. Sono stati creati nella maggior parte dei casi da intagliatori professionisti - spesso gli autori di statue di chiese sacrali ed è qui che la maggior parte dei burattini più antichi ha acquisito le caratteristiche espressive dell'intaglio barocco. La massima attenzione è stata riservata alla testa e al viso del burattino. Gli intagliatori hanno cercato di ottenere una caratterizzazione convincente e delineazione di tipi separati.

Allo stesso tempo si sono preoccupati che l'espressione fosse neutra: la maggior parte dei burattini aveva un'espressione seria e concentrata - era compito del burattinaio come attore far esprimere loro stati emotivi. Nel XIX secolo un certo numero di legni raggiunse un notevole livello di creatività e qualità. Due dei più significativi dell'inizio del XIX secolo furono Mikuláš Sychrovský (1802–1881) della città meridionale ceca di Mirotice e Antonín Sucharda (1812–1886) di Nová Paka. Personalità di spicco della seconda metà del XIX secolo furono in particolare gli intagliatori Antonín Sucharda Jr., Josef Alessi, Vojtech Šedivý, Johann Flachs, Jindrich Adámek e Josef Chochol.


Autore: Alice Dubská

Storia del teatro ceco di figura nei secoli

Pin it
Accetti i cookies? 
Si , grazie.